Babel Online
Babel Online é una polifonia di pensieri, storie, ricordi, racconti ed esperienze narrate.

Sea Watch 3. Capitano vs. capitano

Mettiamo al confronto il Capitano della Sea Watch 3 con il sedicente capitano Salvini. Carola Rackete comanda la nave della ONG Sea Watch 3, ha 3 lauree, parla 5 lingue, ha comandato diverse navi, tra cui una rompighiaccio al Polo Nord. Carola é una donna del Nord, quello vero, quello Sassone e Vichingo, mica le pagliacciate in costume fatte a Pontida dall’altro capitano. Matteo Salvini, sedicente capitano di nulla, è stato iscritto all’università per 16 anni, senza conseguire la laurea. Uomo del nord (non quello vero, ma quello d’Italia). Matteo comincia la sua scalata politica nella Lega Nord al grido “secessione!” via i terrori dal Nord.

Il Capitano Carola dice di sè: “La mia vita è stata facile, ho potuto frequentare tre Università, sono bianca, tedesca, nata in un Paese ricco e con il passaporto giusto. Quando me ne sono resa conto ho sentito un obbligo morale aiutare chi non aveva le mie stesse opportunità“.

Il capitano Matteo in riferimento ai suoi 12 anni fuori corso: “verrà prima la padania libera che la mia laurea“. La prima non esiste, meglio del Trota (il figlio di Bossi) laureato a sua insaputa. O ancora: “Il tricolore non mi rappresenta, non la sento come la mia bandiera. A casa mia ho solo la bandiera della Lombardia e quella di Milano. Il tricolore è solo la Nazionale di calcio, per cui non tifo. Mi rappresenta quando diventeremo un Paese normale con meno sprechi e ruberie al Sud”. Oggi Matteo Salvini è stato eletto senatore in Calabria e il suo motto diventa “L’Italia agli italiani“. Il Capitano si tinge di tricolore, indossa una divisa di forza armata ogni volta che può e dice di avere 60 milioni di figli, compresi tantissimi terroni.

Capitano vs. capitano

Il Capitano Carola è consapevole di dover subire un processo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Inoltre la Sea Watch 3 sarà requisita e l’ong dovrà pagare una multa. Il Capitano della Sea Watch 3, per fortuna, ha la struttura cognitiva per comprendere gli insegnamenti Gandhi, Martin Luther King e qualche millennio prima di Antigone. L’obbedienza cieca a leggi sbagliate limita la libertà umana e piega la storia agli interessi dei tiranni.

Il capitano Matteo non avrà mai visto una tragedia greca in vita sua, al massimo nel suo periodo esterofilo avrà mangiato un’insalata greca. Il capitano afferma, a sorpresa, di avere Martin Luther King nel suo Pantheon. Allora vorremmo ricordargli che “si ha la responsabilità morale di disobbedire a leggi ingiuste“, come diceva King e come sta facendo quella sbruffoncella di Carola.

Capitano Carola vai dritta verso Lampedusa, disobbedendo anche a Poseidone. Perché chi solca i mari sa che non esiste legge più importante di quella per cui le vite vanno salvate. L’altro capitano guarderà la foto di Martin Luther King e il Cristo sul suo crocifisso e capirà che la storia, se avrà memoria di lui, lo collocherà con Mussolini, Hitler, Franco, Videla e Pinochet.

Simone Di Trapani per Babel Online

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More